La stella a sei punte (2018)

Il 17 maggio 2018 è stato pubblicato il secondo romanzo giallo-poliziesco di Antonio Falco, sempre di ambientazione torinese, intitolato La stella a sei punte.

La famiglia Marangoni è una famiglia perfetta, a guardarle bene sembra una di quelle delle pubblicità delle merendine. Enrico e Laura sono due avvocati molto noti, appartenenti all'alta borghesia torinese; hanno tre figli: due ragazzi e una ragazza, belli, intelligenti e brillanti.

La loro serenità è reale, ma alcuni tratti della stessa appaiono un po' forzati e questa immagine di famiglia a modo inizierà in qualche modo a incrinarsi quando accadrà un evento inaspettato: Elena, la figlia di vent'anni, va a dormire da un'amica per poi trascorrere il week end con lei e scompare, non dà più notizie di sé.

Iniziano a emergere alcuni segreti legati alla ragazza, che saranno il preambolo di misteri più "ampi".

Dell'indagine si occuperà la "Squadra T", un neonato team di poliziotti della Questura di Torino, che ha come valore aggiunto quello di unire le diverse esperienze e i diversi vissuti dei suoi componenti per dare vita a un gruppo efficiente e variegato, che dovrebbe intervenire in aiuto delle altre "squadre" di colleghi o in casi particolarmente delicati. Entusiasmo ma anche ansia e preoccupazione di invadere le competenze degli altri agenti caratterizzeranno il loro esordio, ma questi sentimenti verranno presto dimenticati a causa del loro coinvolgimento nel caso della sparizione di Elena.

Un'indagine apparentemente semplice, che avrebbe dovuto essere una sorta di rodaggio.

Si tratta di poliziotti "normali", tra loro non ci sono super-sbirri, l'unico elemento che li contraddistinguerà sarà proprio la forza del gruppo.

A tratti, nella squadra, emergerà la figura di Giulia, la poliziotta più giovane e meno esperta: il suo esordio nella squadra investigativa conviverà con un inaspettato capovolgimento anche nella sua vita privata.


Booktrailer - I luoghi del libro - I personaggi - Dove lo compro?


La stella a sei punte ha ricevuto una menzione speciale al Concorso Letterario La Quercia del Myr III edizione, nella categoria Romanzi editi.